George Georgescu

Romeno naturalizzato Italiano, ha iniziato gli studi del violoncello con Iacob Aron, nella città natale di Bucarest, perfezionandosi successivamente con Serafim Antropov, presso l’Università di Musica “Ciprian Porumbescu” di Bucarest e laureandosi con il massimo dei voti e la lode Dimostrando qualità straordinarie sin dall’infanzia, Georgescu riesce ad ottenere nel paese in riva al Danubio tutta la gloria, il grande favore del pubblico e della critica che non esita a metterlo sullo stesso piano con alcuni dei più famosi musicisti romeni come George Enescu, Valentin Gheorghiu e Stefan Gheorghiu. L’incontro con il grande maestro Sergiu Celibidache contribuisce in modo profondo alla sua formazione artistica.
Per chiara fama, nel 1981 il maestro Riccardo Muti lo invita a ricoprire l’incarico di Primo violoncello solista presso   l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, ruolo che ha onorato per oltre 30 anni, con grande apprezzamento del direttore principale Zubin Mehta e dei direttori ospiti fra quali: C.Maria Giulini, Carlos Kleiber, Eduardo Mata, Myung – Whun Chung, Bruno Bartoletti, Georges Pretre, Semyon Bychkov, Ivor Bolton, Riccardo Muti, Claudio Abbado, etc.
Negli ultimi anni ha consolidato la collaborazione con la pianista Dalida Jacono in duo e con il violinista Yehezchel Yerushalmi e la pianista Dalida Jacono nel trio Cosimo De’ Medici. Importante anche la sua attivita’ didattica, come docente di violoncello ai Corsi Master della Scuola Il Trillo di Firenze, Corsi di perfezionamento del Maggio Musicale Fiorentino e del New York Accademy, oltre alla sua partecipazione nelle giurie di concorsi internazionali e nazionali.


Hanno detto di lui:
Ho riscontrato nel violoncellista Georgescu primissime qualità strumentali, nonché alta sensibilità musicale.” – Carlo Maria Giulini
Ho  avuto  l’opportunità  di  collaborare  con  G.Georgescu,  straordinario  cellista  e soprattutto splendido musicista.” – Carlos Kleiber
Ho avuto l’opportunità di collaborare con Georgescu straordinario violoncellista e soprattutto splendido musicista.” – Edoardo Mata
George Georgescu ottimo solista e musicista di sensibilità squisita.” – Zubin Mehta
 

vedi anche su DISCOgs

Rassegna Stampa

12.4.2019 News Letters

Fandalism