LÀ DOVE ’L SÌ SUONA – Vincenzo Saldarelli

CD 1 Vincenzo Saldarelli “là dove ‘l sì suona”

 

SYLVANO BUSSOTTI

1 Ultima rara (pop song)

Vincenzo Saldarelli chitarra e voce recitante

 

VINCENZO SALDARELLI

Per la chitarra (1971)

2 Onirico

3 Vibrante

4 Agile

Vincenzo Saldarelli chitarra

 

Cinque studi da Lezioni americane di Italo Calvino (2012)

5 leggerezza

6 rapidità

7 esattezza

8 visibilità

9 molteplicità

Giovanni Panciroli chitarra

 

10 Elegia Mediterranea (2003, revisione 2013)

Giorgio Albiani chitarra

 

11 Introduzione ed Elegia per violino e chitarra (2013)

Patrizia Bettotti violino, Vincenzo Saldarelli chitarra

 

12 Valzer (2016, revisione 2022)

Massimo Nalbandian chitarra

 

Cinque danze per amici (2019) chitarra

13  I Valzer su “Là ci darem la mano”

Flavio Cucchi 

14  II Barcarola o dei suoni armonici

Flavio Borelli

15  III Tarantella cromatica

Adriano Pepe

16  IV Tango quasi elegia

Vincenzo Saldarelli

17  V Giga fiorita

Ganesh Del Vescovo

 

18 Elegia cromatica a tre

per 3 chitarre con ukulele ad libitum (2019)  Harumaki Trio

Flavio Borelli, Giovanni Panciroli, Adriano Pepe

 

FRANCESCO PENNISI

19 Intermezzo (1979)

Vincenzo Saldarelli chitarra

 

GIACOMO  MANZONI

20 Echi (1981)

Vincenzo Saldarelli chitarra

 

 

CD 2 Vincenzo Saldarelli “là dove ‘l sì suona”

 

GOFFREDO PETRASSI

1 Suoni Notturni (1959)

Vincenzo Saldarelli chitarra

 

VINCENZO SALDARELLI

Triplo (2020)

2 chitarra solo

Ganesh Del Vescovo

3 duo di chitarre

Ganesh Del Vescovo, Vincenzo Saldarelli

 

4 Bruzia (2020)

Matteo Murari chitarra

 

Lametos per chitarra obbligata e più strumenti (2020)

5 chitarra con violino

Matteo Murari, Michelle Cortés

6 chitarra I e II

Matteo Murari, Vincenzo Saldarelli

 

7 Canzone e cinque variazioni (2020)

Vincenzo Saldarelli chitarra

 

8 Ghiribizzo su “Là ci darem la mano” (2020)

Vincenzo Saldarelli chitarra

 

ANDREA TALMELLI

9 Dialogo (1989)

Vincenzo Saldarelli chitarra

 

ALVARO COMPANY

10 Corni da caccia(1999)

Vincenzo Saldarelli chitarra

 

VINCENZO SALDARELLI

11 “… seguir virtute e conoscenza”, Madrigale (2022)

12 “… la dolcezza ancor dentro mi suona”, Capriccio (2022)

Vincenzo Saldarelli chitarra

 

13 “… là dove ‘l sì suona” (2022)

Giorgio Albiani chitarra



Questa impresa editoriale di EMA Vinci rispecchia il ruolo che Vincenzo Saldarelli continua a rivestire come fulcro propulsore della musica chitarristica italiana del nostro tempo. Infatti, la sua attività di autore e di interprete (solista o in ensemble) si inserisce in una variegata rete di rapporti con compositori di spicco, come Goffredo Petrassi, Sylvano Bussotti, Francesco Pennisi e Giacomo Manzoni, che dalla sapienza strumentale di Saldarelli sono stati stimolati ad esplorare sempre nuove possibilità espressive della chitarra, in una linea che prosegue l’azione di Alvaro Company a partire dagli anni Cinquanta del Novecento.

Come il suo amato Maestro, Saldarelli dedica, anche da compositore, gran parte delle sue energie creative alla ricerca sul proprio strumento, per arricchirne la storia e la letteratura insieme alla fucina di talenti che quella scuola chitarristica ha regalato al mondo musicale. I nomi degli interpreti qui rappresentati, spesso anche dedicatari di questi lavori, estendono la suddetta rete
di rapporti a tanti colleghi legati a Saldarelli da profonda stima
e amicizia, in una splendida apertura a reciproche suggestioni
e ispirazioni. Questa capacità di intessere forti legami umani e artistici è la stessa che ha caratterizzato anche la bella avventura del Trio Chitarristico Italiano, il sodalizio composto da Alfonso Borghese, Roberto Frosali e Vincenzo Saldarelli, costituitosi nel 1970, quando debuttò nel suo primo concerto al Circolo Borghese di Firenze, sotto gli auspici di Leonardo Pinzauti: il valore di questo ensemble nel tempo, l’ambito internazionale della sua esperienza, la contagiosa ispirazione che esso ha trasmesso ai compositori coevi testimoniano l’unicità di questa formazione.
La valenza propulsiva di Vincenzo Saldarelli nella ricerca strumentale e compositiva dedicata alla chitarra emerge in questo album, i cui numerosi, splendidi brani abbracciano un ampio arco di tempo nella storia della musica italiana dagli anni Settanta a oggi e testimoniano un’incessante indagine sulla tecnica e l’espressività chitarristiche. Esempio della feconda reciprocità amicale ed artistica testimoniata da questo volume è l’omaggio di Saldarelli per il 90° compleanno di Manzoni: quale dedicatario di Echi, ne ha registrato una nuova interpretazione ed ha inoltre composto per Manzoni una pagina di suggestione dantesca, intitolata Incantamento, in cui la sesta corda ha una particolare accordatura in Si bemolle grave. Centrale resta il riferimento ai sei compositori della cosiddetta “Schola Fiorentina”, qui presenti non soltanto con due celebri pagine di Bussotti e di Company (con l’incantatorio gioco virtuosistico e timbrico delle sonorità ‘beethoveniane’ di Corni da caccia, dedicato a Saldarelli nel 1999), ma anche come ‘orizzonte’ ideale di alcune composizioni dello stesso Saldarelli da “Omaggio alla Schola Fiorentina – Sei pezzi per chitarra”: si tratta del Ghiribizzo su “Là ci darem la mano…” (omaggio a Alvaro Company) del 2020, interpretato dallo stesso Saldarelli, che lo dedica alla moglie Silvia; di Là dove ‘l sì suona (omaggio a Carlo Prosperi) del 2022, che ripete la singolare accordatura descritta sopra per Incantamento; del Valzer (omaggio a Reginald Smith Brindle) del 2016, revisionato nel 2022, con la sesta corda intonata in Re; dell’Elegia mediterranea (omaggio a Bruno Bartolozzi) del 2003 e revisionata nel 2022. Questi ultimi tre brani sono qui interpretati da Giorgio Albiani. Altri lavori ci parlano della ricreazione di timbri di altri strumenti sulla chitarra, come già nel brano di Company e anche in Bruzia di Saldarelli, ispirato alla lira calabrese, che porta ad una ricerca tecnica e interpretativa sugli effetti percussivi della chitarra e a contrappunti cromatici sugli armonici. Eleonora Negri

 

Le nuove interpretazioni dei CD

Questo programma rappresenta un personale omaggio ad alcuni autori che hanno onorato la letteratura contemporanea della chitarra. Ho pensato infatti di registrare mie nuove interpretazioni di brani di Goffredo Petrassi, Giacomo Manzoni (un pensiero anche per il suo 90esimo compleanno del ’22), Francesco Pennisi, Andrea Talmelli, Alvaro Company e Sylvano Bussotti. I brani di questi autori testimoniano con forza il ruolo assunto dalla chitarra dalla seconda metà del secolo scorso a oggi, intendendo con questo la scoperta delle ricche potenzialità timbriche ed espressive dello strumento, oltre ai canoni già ampiamente sperimentati in precedenza con una importante letteratura di tipo tradizionale. Con questi autori, da me particolarmente amati, si compiono decisivi passi nella ricerca di nuove sonorità, soluzioni armoniche ed aggregazioni timbriche in un articolato linguaggio di aggiornata ed affascinante scrittura che ha reso lo strumento vero protagonista della musica contemporanea.

Vincenzo Saldarelli Chitarre dei liutai

Mirko Migliorini per Giorgio Albiani
Lorenzo Frignani per Flavio Borelli e Giovanni Panciroli
Andrea Tacchi, modello “Iside” per Flavio Cucchi
Alan Wilcox per Ganesh Del Vescovo
Manuel Contreras (collezione Vincenzo Saldarelli) per Matteo Murari José Ramirez e Alan Wilcox (chitarra a dieci corde)
per Vincenzo Saldarelli

Un ringraziamento speciale agli amici
che hanno collaborato alla realizzazione dei CD

le violiniste Patrizia Bettotti e Michelle Cortés,
i chitarristi Giorgio Albiani, Flavio Borelli, Flavio Cucchi,
Ganesh Del Vescovo, Matteo Murari (vincitore del Premio “Vincenzo Saldarelli” al IV Concorso Internazionale Chitarristico dell’Istmo), Giovanni Panciroli, Adriano Pepe

Si ringraziano inoltre
Eleonora Negri musicologa
Lorenzo Frignani liutaio
Animula Associazione Culturale – Concorso Internazionale Chitarristico dell’Istmo, Lamezia Terme (CZ)
Centro Studi Luigi Dallapiccola, Firenze

Registrazioni e mastering
Giuseppe Scali, Marco Cardone e Riccardo Magnani per EMA Vinci Giorgio Albiani per DIMA International Music Academy, Arezzo

Immagine e grafica Walter Sardonini