EMA Vinci

La EMA Vinci è un’azienda di produzioni musicali ed artistiche costituita dai dipartimenti:
– EMA Service (Laboratorio e Studio di Registrazione)
– EMA Vinci records (Casa Discografica)
– EMA Vinci edizioni (Edizioni)
– EMA Canticae (Produzioni artistiche)

via delle Croci, 15 I-50056 Fibbiana – Firenze
P.IVA 04509160489 Numero REA FI – 456550

Dipartimenti e ambiti reference:

EMA Vinci records (casa discografica)

EMA canticae (produzioni artistiche)

EMA Vinci service (studio di registrazione)

EMA Vinci edizioni (edizioni musicali)


BREVE STORIA

LE ORIGINI: 1985-1993
La EMA Vinci n
asce nel 1993 dalla trasformazione ed inglobamento del MASKASTUDIO (Studio di Registrazione, Laboratorio di Sperimentazione e Servizi per la Musica fondato da Giuseppe Scali nel 1985).

Il MASKASTUDIO, ideato da Giuseppe Scali, nato inizialmente come laboratorio e centro di scambio per la musica contemporanea a servizio di un gruppo di amici compositori e musicisti, è stato una delle prime, se non la prima, realtà in Italia che ha affidato le molteplici attività dell’azienda totalmente all’Home Computer. Individuando e sperimentando le nascenti possibilità  del Personal Computer (identificato nel primo MACINTOSH Plus di Apple) e credendo nell’evoluzione che questo questo avrebbe avuto in seguito, Il MASKASTUDIO ha fondato il proprio standard e incrementato le proprie attività accogliendo completamente tutte le possibilità offerte dal computer riuscendo ad ottimizzare processi lavorativi che altrimenti avrebbero richiesto grandi investimenti di risorse sia umane che non. In altre parole il MASKASTUDIO non ha usato la macchina solo per coadiuvare o realizzare le attività che svolgeva, ma ha anche variato e incrementato le attività lavorative in funzione delle possibilità che computer stesso offriva. Lo studio, la sperimentazione, l’aggiornamento costanti hanno apportato conoscenze preziose e originali allo staff del MASKASTUDIO, tanto da diventare prima un punto di riferimento nel panorama musicale fiorentino, poi toscano, e, in seguito, un’azienda con uno standard lavorativo pionieristico sul panorama nazionale. In questa sede, per documentazione e memoria dobbiamo sottolineare la metodologia innovativa e precursiva adottata dal MASKASTUDIO che, combinando simultaneamente tutte le possibilità offerte dal personal computer, è giunto a realizzare un’attività di produzioni e servizi a 360 gradi in ambito discografico ed editoriale.

Il MASKASTUDIO già a metà degli anni ’80 produceva:

• Notografia (digitalizzazioni e stampe di partiture) grazie all’ausilio di periferiche quali Tastiere MIDI, Scanner , Stampanti Laser ed applicazioni specializzate  quali Deluxe Music Construction Set by electronic arts , Encore della US company Passport Designs, Finale della Coda Music).

• Registrazioni ed elaborazioni audio, Sequencer, nonchè digitalizzazione di dati MIDI, realizzazioni di composizioni musicali e basi sonore con macchinari hardware quali Sound Tools, Pro Tools, Session Eight ed Audiomedia della Digidesign, uniti ad applicativi quali PerformerCubaseLogic e tutte le applicazioni della Opcode, oltre  quelli citati sopra nel paragrafo relativo alla Notografia.

• Grafica specializzata nell’editoria musicale. Senza l’ausilio delle tecnologie tipografiche tradizionali venivano prodotte con notevole risparmio di tempo, ed un alta qualità libri, metodi, opuscoli, fascicoli, locandine, cataloghi oltre a spartiti e partiture. Le applicazioni maggiormante usate in quegli anni sono state PageMaker, Quark Xpress, Mcrosoft Word, Microsoft Excel e RagTime soventemente usati in combinazione con le applicazioni citate nel paragrafo relativo alla Notografia ed alle Registrazioni e Sequencer.

Per concludere questa parte non possiamo non considerare l’aspetto relativo all’Archiviazione, alla Gestione e Catalogazione dei dati. FileMaker (già dal 1986) è stato uno dei primi programmi usati dal MASKASTUDIO  per creare le prime banche date di musicisti e professionisti operanti nell’ambito musicale, per catalogare i prodotti editoriali e discografici, nonché gestire ed archiviare i servizi offerti, le produzioni editoriali e discografiche, i lavori realizzati e l’anagrafica dei clienti. Partendo da banche dati interne relative a risorse umane, materiali e lavori, veniva automatizzata tutta la gestione dell’azienda attraverso un unico database relazionale. Oggigiorno EMA Vinci vanta di una grande esperienza nella gestione dell’automatizzazione di file realzionali e una banca dati formata nel tempo ed in continuo aggiornamento.

LA TRASFORMAZIONE
Nel 1993 avviene la trasformazione: Il MASKASTUDIO diventa EMA Vinci. La EMA Vinci a sua volta sarà formata dai seguenti dipartimenti:

•  EMA VINCI EDIZIONI MUSICALI (edizioni musicali a supporto delle pubblicazioni discografiche).

EMA VINCI SERVICE (studio e laboratorio di produzione e servizi per la musica, naturale prosecuzione del MASKASTUDIO).

EMA VINCI RECORDS (casa discografica).

Dal 1993 fino al 2011 la EMA Vinci records sarà un’etichetta principalmente attenta alle proposte dei compositori e dei generi World Music e Classica. Nell’ambito classico la discografica realizzerà in questo periodo una ricca collezione di album legati alla fisarmonica classica (Salvatore di Gesualdo, Alessandro Dei, Riccardo Centazzo, Claudio Jacolucci, Fausto Settevendemie, Alessandro Moretti, Roberto Caberlotto e Ivano Battiston), tanto da porla come etichetta lieder a livello nazionale nel settore delle pubblicazioni per fisarmonica classica. Nell’ambito della World Music ricordiamo i lavori con Kamran Khaceh, il trio di Faye Nepon, e Nirvananananda. Fino a questo periodo le energie della casa discografica saranno indirizzate alla rivalutazione e al sostegno delle realtà musicali del proprio territorio e fortemente concentrate nell’ambito classico. Tra gli artisti prodotti ricordiamo Aquiles Delle Vigne, Piernarciso Masi, Alessandra Garosi, Gregorio Nardi, Andrea Passigli. Dal 1994 fino al 2009 la EMA Vinci records effettua le vendite dei propri prodotti per corrispondenza, vanta di uno store online ed è distribuita da Materiali Sonori.

Nel 1996 nasce il dipartimento di produzioni artistiche EMA CANTICAE, dipartimento che si è specializzato verso il connubio Suono/Arte, Musica/Arte e Arte Totale. I Paesaggi sonori realizzati da EMA Canticae, grazie al connubio con l’artista Marco Bagnoli li possiamo ascoltare e vedere in opere d’importanza internazionale curate dai principali critici d’arte italiani e non quali Germano Celant, Achille Bonito Oliva,  Harald Szeeman, Sergio Risaliti, Lucrezia De Domizio, solo per citarne alcuni, nelle principali gallerie italiane quali per esempio la Galleria Giorgio Persano di Torino, la Galleria Crhistian Stein di Milano, il Museo Madre di Napoli, il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato, nonché collettive, eventi o fiere nazionali ed internazionali fra le quali la Biennale di Venezia e la Biennale di Valencia.

Nel 1997 la EMA Vinci records intraprende rapporti commerciali con The Orchard la raggiungendo accordi di distribuzione digitale sul territorio mondiale  per l’artista Nirvanananda.

Nel 2009 la EMA Vinci records verrà distribuita su territorio mondiale per i prodotti digitali da Believe Digital. Sempre nel 2009 la EMA Vinci sancisce una collaborazione con Fonofficina (Studio di registrazione e sala prove). Produzioni e Servizi saranno effettuate presso questa attività. Il fonico di riferimento sarà Marco Cardone. Un’attenta indagine e analisi sia artistica che di mercato induce la discografica EMA Vinci records a recuperare lo spirito iniziale della sua fondazione: essere principalmente a servizio della musica contemporanea colta. Nascono i primi progetti di produzione discografica che avrebbero visto la luce negli anni successivi.

LO SVILUPPO A LIVELLO NAZIONALE
Dal 2011, in seguito ad una serie di riflessioni e collaborazioni artistiche significative, fra le quali ricordiamo quelle con Marco Bagnoli (artista), Michael Galasso, Kamran Khacheh, Alessandra Garosi, Alessandro Magini, Alain Goudard e Alessandro Solbiati, la EMA Vinci records  si è indirizzata verso la musica contemporanea colta.

Nel 2014 l’azienda subisce una variazione nell’assetto sociale: subentra Marco Cardone in qualità di responsabile esecutivo, mentre Giuseppe Scali sarà il responsabile della parte artistica.

La collaborazione sul piano fonico fra Giuseppe Scali (sound designer) e Marco Cardone (sound engineer) porterà la EMA Vinci records ad avere un proprio standard di registrazione originale, basato su tecniche di ripresa sonora minimali e totali, mentre strumenti solisti o piccolissime formazioni saranno riprese con tecniche massimali sbilanciate. Questo standard ha conferito alle produzioni EMA Vinci records una propria sonorità particolarmente apprezzata per coloro che desiderano chiarezza si suono, profondità e dinamica.

Da quel momento la discografica ha conseguito risultati molto importanti, giungendo ad ottenere nel 2015 un significativo riconoscimento da parte della SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori) attraverso il progetto SIAE-Classici di Oggi: infatti la EMA Vinci records è stata individuata “quale casa discografica meritevole per l’impegno profuso e per la continua attività svolta a sostegno e promozione della musica colta contemporanea“.

In questo anno la EMA Vinci records ha sigillato un accordo di collaborazione con Tempo Reale, il centro di elaborazione per la musica elettronica di Firenze fondato da Luciano Berio, attraverso la linea discografica TREma.

Nel 2015 la EMA Vinci Edizioni musicali ha esteso la propria attività anche alle opere Drammatiche, Radio-Televisive, nonché alle Opere Letterarie e alle Arti Figurative, acquisisce una propria distribuzione Online per file elettronici su tutto il mondo e il marchio da EMA Vinci edizioni musicali diventa EMA Vinci edizioni.

Il continuo aggiornamento e sviluppo dei programmi di archivio inerenti a banche dati e gestione automatizzazione della propria attività a sua volta si è trasformata in lavoro conto terzi, nel 2015 il dipartimento di EMA Vinci service inizia a svolgere lavori conto terzi, ricordiamo la collaborazione con Giovanni Valle Edizioni che porta alla realizzazione di una serie di file di gestione, di ottimizzazione ed di automatizzazione per le attività editoriali e discografiche; la programmazione e gestione dell’archivio Multimediale dell’artista Atelier di Marco Bagnoli e dell’associazione SPAZIOXTEMPO; la programmazione e gestione dell’archivio Storico della Sammontana S.p.a.

Nel 2016, sempre alla EMA Vinci records, per il secondo anno consecutivo la SIAE ha conferito alla discografica toscana il “riconoscimento di eccellenza” inserendola nuovamente nel progetto SIAE – Classici di Oggi.

Il 2016 vede realizzate dalla EMA Vinci records le seguenti linee discografiche:
TRema, in collaborazione con Tempo Reale di Firenze;
SIAE-Classici di Oggi, realizzata anche con il contributo SIAE;
LISTENING in collaborazione con il NEW MADE ENSEMBLE di Milano
GAMO-EMA Vinci archive, collaborazione con l’associazione-ensemble G.A.M.O di Firenze.

Nel 2016 la EMA Vinci records  acquisisce un ruolo di riferimento nel panorama nazionale legato alle pubblicazioni contemporanee. Da questa data la EMA Vinci records fonderà l’etichetta EMA Vinci contemporanea. Gli ultimi mesi del 2016 sono caratterizzati non solo da una continua attività di produzione presso il proprio studio, ma anche dalla particolare attenzione che la EMA Vinci records ha riversato verso l’Opera Teatrale (grazie anche alla grande versatilità dell’apparato tecnologico del quale dispone). vengono programmate le produzioni di: Opera Unica dell’artista Marco Bagnoli,  L’Amor che move il sole e l’altre stelle ovvero il Dante contemporaneo del duo Cristina Mazzavillani Muti – Adriano Guarnieri, Il Suono Giallo (premio Abbiati) e Leggenda di Alessandro Solbiati, Hanjo di Marcello Panni e Canto di Natale di Lino Liviabella. Infine, in questo anno la EMA Vinci fondata l’etichetta L&C digital music al fine di raggruppare produzioni provenienti da aree diverse, dare voce e promuovere artisti e quindi intraprendere progetti paralleli e diversi rispetto a quelli che faranno parte del catalogo di EMA Vinci records.

Nel 2017  la EMA Vinci service, grazie all’architetto Luciano Scali si ristruttura completamente  in una WorkRoom capace di ospitare gli artisti e, grazie ad Anita Azzi, viene dotata di un pianoforte a coda Kawai KG3D.

La EMA Vinci records inserisce il proprio catalogo nel portale Discogs.

Il marchio EMA Vinci contemporanea  sigilla accordi per la pubblicazione di un buon numero di opere inedite siglate da grandi compositori ed interpreti della musica italiana trai quali: Claudio Ambrosini, Carlo Boccadoro, Azio Corghi, Carlo Galante, Daniele Lombardi, Gaetano Giani Luporini, Alessandro Magini, Boris Porena, Alessandro Solbiati, Marcello Panni e Nicola Sani, mentre tra gli interpreti annoveriamo Monica Benvenuti, Paolo Carlini, Experimental studio di Friburgo, Roberto Fabbriciani, Matteo Fossi, GAMO ensamble, Francesco Gesualdi, Stefano Malferrari, New Made Ensemble e Tempo Reale ensemble.  Sempre nel 2017 la EMA Vinci records fonda l’etichetta EMA Vinci classica dedicata alla musica classica e seria in genere.

Sempre nel 2017 vince due bandi nel progetto SIAE – SILLUMINA relativo alla sezione MUSICA-Opere Nuove che porteranno alla produzioni di due CD con tiratura di 2.000 copie ciascuna.

La SIAE riconferma alla EMA Vinci records, ed in modo specifico alla EMA Vinci contemporanea, per il terzo anno consecutivo il ruolo di eccellenza. La EMA Vinci contemporanea continuerà l’opera di valorizzazione delle composizioni e dei compositori italiani attraverso produzioni specifiche e tramite le sue linee: Classici di Oggi Interpreti, TRema, LISTENING, GAMO EMA Vinci archive. Rinforzerà il progetto sull’opera teatrale e da camera programmando nuove produzioni con Daniele Lombardi, Marcello Panni, Lucio Gregoretti e Adriano Guarnieri.

EMA Vinci5864

produzioni e servizi editoriali e discografici